Frutticoltura

Il settore ha tra i suoi obiettivi più importanti quello di scegliere le nuove varietà di frutta che il mondo della ricerca in continua evoluzione mette a disposizione, dando valutazioni circa il comportamento agronomico, la qualità e la conservabilità. Per poter dare indicazioni agli agricoltori e ai tecnici locali diviene infatti prioritario compiere studi di fattibilità circa l'introduzione delle nuove varietà nell'ambito frutticolo valtellinese. In particolare il settore intende realizzare campi sperimentali per la diffusione delle tecniche di agricoltura biologica e a minor impatto ambientale.

- STAFF -

Luca Folini
- ricerca e sperimentazione applicata in frutticoltura -
logo fondazione fojanini separatore sezioni

Principali attività

Immagine Melo Fondazione Fojanini

Melo

  • Scelta e valutazione di varietà e cloni di melo ticchiolatura-resistenti per l'individuazione di frutti con buone caratteristiche qualitative e facile diffusione sul mercato; le varietà in prova nei diversi campi sperimentali della Fondazione sono circa 60;
  • scelta e valutazione di varietà e cloni di melo tradizionali (Gala, Golden, Fuji e Braeburn, Pinova, Pilot, Pink Lady, Tentation, Pink Rose ecc.) per l'individuazione di frutti con ottime caratteristiche qualitative; le varietà e i cloni in prova nei diversi campi sperimentali della Fondazione sono circa 80;
  • studio sulla possibilità di sviluppo dell'agricoltura biologica in melicoltura, sfruttando la resistenza alle malattie di piante ticchiolatura e oidio resistenti;
  • realizzazione di prove sperimentali di agricoltura biologica;
  • valutazione di nuovi prodotti per la difesa fitosanitaria del melo;
  • allestimento di campi dimostrativi di melo realizzati con diversi sesti di impianto, nuove forme di allevamento (solaxe) e nuovi materiali;
  • stime economiche sulla riduzione dei costi di impianto e di conduzione del frutteto.
Piccoli Frutti

Piccoli frutti

  • Creazione di impianti dimostrativi di piccoli frutti a quote altimetriche differenti; con lo scopo di segnalare le varietà migliori da un punto di vista agronomico e di qualità dei frutti per l'ambiente valtellinese e di stilare liste di orientamento varietale per l'ambiente montano italiano;
  • selezione e scelta varietale per mirtillo gigante americano e lampone;
  • realizzazione di prove di concimazione, potatura, irrigazione ecc su piccoli frutti;
  • analisi qualitative dei piccoli frutti raccolti;
  • valutazione sulla costituzione di impianti in zone agricole marginali e/o abbandonate;
  • valutazioni sulla possibilità di diffusione commerciale dei piccoli frutti.
Ciliegio Fondazione Fojanini

Ciliegio dolce

  • Valutazione di diverse cultivar in collezione con riferimento al progetto ministeriale "Liste di orientamento varietale"; i campi sperimentali sono situati a Ponte in Valtellina e a Sondrio dove sono presenti diverse varietà allevate a vaso romagnolo inserite in collezione in differenti annate;
  • valutazione di diversi portainnesti su Regina e Kordia; le piante si trovano nel campo sperimentale di Ponte in Valtellina e sono allevate con una forma innovativa per questa specie detta spindel. La sperimentazione è realizzata in collaborazione al gruppo di lavoro internazionale Alpe Adria che attualmente è rappresentato da: Italia, Slovenia, Austria, Croazia, Serbia, Bosnia e Ungheria;
  • valutazione della produttività di Kordia e Regina a diverse distanze di impianto; la sperimentazione è realizzata in collaborazione al gruppo di lavoro internazionale Alpe Adria.